Come guarire la depressione

Soffri di depressione?

Ti senti particolarmente triste e stressata/o?

Cerchi un metodo naturale per sbarazzarti dei tuoi stati d’animo negativi e pessimisti?

Sei nel posto giusto

Guarire la depressione, video corso on line

Quando parliamo di depressione ci riferiamo ad uno stato di profonda tristezza e/o all’incapacità di provare piacere. William Styron la descriveva come “..una disperante, stagnante paralisi dello spirito, al di là di qualunque sensazione avessi mai provato o anche solo immaginato si potesse provare..”.

Da dove nasce la depressione? Perché guarire la depressione? 

Ansia e depressione hanno numerose origini. Concentriamoci sulla depressione quali sono i sintomi. Tralasceremo l’approccio più comune che è quello biologico, che lega la depressione ad un’alterazione biochimica, per collegarci invece ad un approccio meno conosciuto, che associa la depressione ad un’alterazione dei pensieri, delle emozioni, dell’anima. Il primo seme della depressione è generato dai traumi prenatali. Ad esempio, se nasciamo da una madre depressa, difficilmente accade che a livello energetico quello che ci arrivi sia la positività o la felicità. Il secondo è il trauma di nascita, se avviene in maniera più o meno cruenta.

Poi abbiamo delle altre fasi di depressione sintomi, legate al post-partum – se vi è stata una gravidanza precoce con relativa ospedalizzazione ed isolamento o meno -, all’allattamento e all’educazione – se abbiamo avuto genitori accoglienti ai nostri pianti e alle nostre angosce notturne o diurne, o al contrario poco attenti, arrabbiati ed ostili ai nostri bisogni -. Ne deriverà, dunque, in questo secondo scenario, la presenza di carenze nella nostra anima, degli spazi scuri.

Poi naturalmente vi sono tutti gli eventi successivi della nostra vita come matrimoni finiti male, litigi tra i genitori, infelicità familiari, storie difficili, malattie e così via. Fino ad arrivare a situazioni recenti dove è possibile incontrare la depressione per cause oggettive, come ad esempio la perdita del lavoro.

Cosa contiene il video percorso on line come guarire la depressione?

Ispirandoci a Milton Erickson e alla programmazione neurolinguistica, vedremo come esistano delle accortezze per “ingannare” i nostri stati negativi. Scopriremo da dove nasce la depressione esplorando sia le origini interne che esterne della depressione.

Approfondendo i traumi della nascita, il falso sé e la depressione della società attuale. Andremo poi a cercare delle soluzioni su 5 piani distinti: corpo, emozioni, mente, spirito e anima, con l’obiettivo di creare nuove esperienze soddisfacenti, sia coinvolgendo il mondo esterno (viaggi, attività positive, contatti con persone piacevoli) ma soprattutto il nostro mondo interno, focalizzandoci su noi stessi al fine di raggiungere finalmente degli stati di equilibrio, di felicità e di benessere e finalmente andando a guarire la depressione.

Questo tipo di esperienze, costituiranno una resistente corazza che garantirà un’ottima resistenza nei confronti degli stati depressivi. Rivolgendo l’attenzione al nostro corpo, e abbinando alla meditazione il counseling (e perché no l’osteopatia!), potremo invece andare a guarire i nostri traumi prenatali, perinatali, postnatali – epoche in cui la nostra parte verbale non era ancora ben sviluppata.

L’abbinamento di queste tecniche, frutto della mia esperienza decennale, permetteranno così di raggiungere i più profondi stati emotivi, guarendo dolori e angosce radicati nel nostro più lontano passato. In questo modo potremo permettere alla nostra anima di compiere il suo cammino. Ricordiamo che ognuno di noi è sulla terra con uno scopo, un obiettivo di crescita, felicità e realizzazione. Se non rispettiamo questo bisogno primario, e ci ostiniamo a rimanere aggrappati alle nostre false sicurezze e ai nostri falsi attaccamenti, ecco che inizieremo a soffrire, e potremmo ammalarci per questo.

È importante aver cura della nostra anima e dei nostri bisogni più profondi. È questa la risposta più valida nei confronti della depressione!

A chi è rivolto guarire la depressione?

  • A chi vuole affrontare i propri stati di umore molto bassi per raggiungere uno stato di gioia e di felicità
  • A chi vuole lasciarsi alle spalle la tristezza: come un buon vento di primavera che spazza via le nubi, anche tu potrai sperimentare un nuovo stato dell’essere!
  • A chi ricerca un metodo veloce e soprattutto naturale per guarire la depressione
  • A chi non capisce perché torna la depressione

la mia relazione non mi soddisfa come reagiscono gli uomini quando lasciano depressione dopo rottura, quanto tempo ci vuole per superare la fine di una storia? come lasciare una persona

Chi sono

Mi chiamo Alessandro D’Orlando, psicoterapeuta e anche consulente aziendale, con oltre 20 anni di esperienza, ho creato la lifevideo e questa scuola di counseling per trasmettere i contenuti chiave per avere successo nella vita, nelle relazioni e nel lavoro.

I nostri percorsi formativi sono adatti per imprenditori, manager, insegnanti e chiunque sia interessato a migliorare le proprie competenze comunicative

obiettivi da raggiungere, esempi di obiettivi da raggiungere, obiettivi da raggiungere esempi, obiettivi da raggiungere, arrivare agli obiettivi da raggiungere, imposta obiettivi smart

QUANTO DURA? QUANTO TEMPO CI VUOLE PER GUARIRE DALLA DEPRESSIONE?

  • Il corso ha una durata di 2 ore e 10 minuti. Cliccando nell’anteprima avrai accesso alla prima lezione introduttiva gratuita
  • Guarire la depressione ha un decorso che dipende da persona a persona, non possiamo dare un termine preciso, questo dipende esclusivamente dal tuo impegno.
corso guarire dalla depressione

L’ansia è una paura aspecifica di qualcosa: in questo corso come curare ansia e attacchi di panico, troverai delle indicazioni pratiche per affrontarla in modo rapido con piccoli accorgimenti.

Le società antiche hanno sviluppato metodi contro l’ansia che hanno millenni. 

Vediamo prima però i tipi di paure che caratterizzano la nostra vita quotidiana. La paura è l’energia di base dell’essere umano ed è legata fortemente all’istinto di sopravvivenza e come tale lavora negli strati profondi del nostro cervello. Quindi possiamo distinguere queste paure:

  1. La paura del cervello rettile, relativa alla sopravvivenza fisica, alla paura di perdere il territorio, i beni o la casa ad esempio
  2. La paura degli stati mammiferi nel cervello, che consiste ad esempio nella paura di di perdere contatti, amore,  affetti.
  3. Infine ci sono le paure più evolute legate al pensiero che ci permettono di ricordare il passato, guardare al futuro ed analizzare il presente. 

Ciascuna di queste paure va affrontata con modalità diverse.

IL PAZIENTE DEPRESSO

USCIRE DALLA DEPRESSIONE

COSA FARE SE IL DEPRESSO

Per curare ansia e attacchi di panico dobbiamo lavorare con il corpo e con la mente e dobbiamo utilizzare le strategie millenarie delle tradizioni. 

Ci sono delle tecniche che si adattano alla tua situazione specifica. Ti consiglio di leggere Paura di Vivere di Alexander Lowen e di guardare alcuni video relativi alla tematica dell’amore pubblicati dal grande filosofo del secolo scorso Jiddu Krishnamurti. L’antitesi vera e propria della paura è l’amore che ci permette di vivere senza paura e se viviamo senza paura la nostra vita sarà migliore. L’energia della paura invece ci porta molto in basso a livello vibrazionale. La vera strategia per sconfiggere l’ansia è una strategia per amare di più noi stessi e il mondo.

…Ecco una delle vostre tante domande, alla quale daremo risposta perché sia di aiuto a tutti voi. Sotto un piccolo elenco di strumenti pratici per limitare o addirittura eliminare gli effetti degli attacchi di panico ed eliminare l’ansia da riaperture

  1. Concentrati sensorialmente sul tuo respiro, sulla sensazione fra le narici e il labbro superiore.
  2. Porta l’attenzione sul tuo respiro diaframmatico e su come respiri circa 2 cm sotto l’ombelico. Espandi bene questa parte del diaframma perché ti aiuterà a rimanere centrato e ad evitare di far crescere l’ansia fino all’attacco di panico.
  3. Visualizzati, mentre respiri e sei concentrato nel respiro,  in un contesto sociale in cui sei stato bene. Osservati sia in associato che in dissociato, ovvero come se tu fossi lì a vivere quella scena o come se tu fossi all’esterno e ti guardassi dall’alto. Ricordati di questi momenti soprattutto quando sei in mezzo ad una folla ed inizi a percepire agitazione o disagio.
  4. Pensa a qualcosa che riguarda la tua identità e che ti dà forza, ad esempio: sono libero, so cogliere le opportunità o sono perfettamente a mio agio in qualsiasi contesto desideri sperimentare te stesso.